La città delle strade

Anni fa, quando speravo di potere realizzarmi nella mia città, invitai un imprenditore del nord Italia a visitare Palermo. Ricordo ancora come fui colpito dal suo stupore nel percorrere il tragitto tra l’aeroporto e la città e come egli rimase incantato dal contrasto visivo formato dai Monti di Palermo, che si estendono per chilometri sulla destra del percorso, e dal mare mediterraneo che bacia la costa sul lato opposto della strada. Certo ciò mi rese orgoglioso, ma con la superficialità dei miei vent’anni, non riuscii in fondo a capire il perché di tanto stupore.

Mi sono stati necessari 10 anni di vita all’estero per potere apprezzare cosa quella persona avesse in realtà provato. Cosi mi ritrovo ogni volta turista nella mia città, divertendomi a esplorarla con la mia camera Pentax, senza però rimanere travolto dai caratteristici e caotici colori, odori e suoni, ma ammirando nuovi dettagli grazie al mio occhio da fotografo.

Fa strano pensare che in 27 anni vissuti a Palermo non ho fatto mai veramente caso alla montagna che domina l’orizzonte alla fine della via Maqueda. Riscoprirla è stata una emozione dato che in Inghilterra non è comune assistere ad uno spettacolo simile.

IMGP2177 copy-EditIMGP2131-HDR-Edit

È durante l’ultimo viaggio che mi sono divertito a fotografare le strade della città e le mille storie che i palermitani riescono a raccontare in maniera unica, con un misto di personaggi e atteggiamenti che verosimilmente non possono essere trovati in nessun’altra parte del mondo cosi mescolati come qui. L’eleganza e il gusto italiano moderno, mischiato a quello storico di decine di culture che hanno conquistato nel passato la città, rendono il tutto quasi surreale.

IMGP2016IMGP2021IMGP2024-Edit

In un contesto odierno, si susseguono capolavori architetturali appartenenti ad epoche distanti tra loro, mestieri moderni si intrecciano con quelli antichi, che spero mai vengano persi, e, soprattutto, è evidente come la vita dei palermitani sia particolarmente legata alle strade di Palermo.

IMGP2045

E ancora, è possibile passare da una parte del centro storico ancora scarnificato dai bombardamenti della seconda guerra mondiale, incontrare i stigghiolari che spero mai smetteranno di arrustiri per generazioni a venire, vivere i mercati colorati di Ballarò che non ha senso fotografarli in bianco e nero, contare una chiesa ogni 50 metri fino a quando ci si domanda, ma quante minchia sunnu (incredibilmente più di 800!). Gira la testa quando ci si gira da un lato e si vedono cupole bizantine, dall’altro lato strutture normanne influenzate dall’architettura musulmana, da un altro palazzi opulenti in stile liberty e dall’altro ancora il gotico ereditato dagli angioini e dai catalani.

IMGP2017IMGP2018IMGP2019IMGP2020IMGP2039IMGP2056IMGP2146IMGP2145-HDRIMGP2156IMGP2162IMGP2166

IMGP2152-HDRIMGP2136-HDR

IMGP1836.jpg

IMGP1996

Per secoli la città è stata un meltin pot di razze e culture, ma in età moderna, finalmente solo ora si stanno cominciando a vedere i risultati dell’integrazione di questo secolo. Sono contento di notare come la nuova generazione di ragazzi non originari dall’isola sia sempre più presente nella vita di ogni giorno.

IMGP2067IMGP2066IMGP2046IMGP2070_DxO-1

Insomma sono felice della Palermo che ho trovato quest’anno. Molto migliorata rispetto al passato e spero di tornare presto per potere ancora raccontare nuove storie tramite le mie foto! Palermo è una città assolutamente da fotografare a colori.

P.S.: una piccola dedica al cibo che ho mangiato 🙂

33593292164_7510d02f53_oIMGP1887

le seguenti immagini possono essere viste a schermo intero cliccandoci sopra:

4 thoughts on “La città delle strade

  1. Splendide foto. Condivido tutto. Anche io ho vissuto a Portsmouth. Da sei mesi in Sicilia dopo 15 anni in UK. Che dire… torna anche tu!

Leave a Reply